La differenza tra dimagrire e perdere peso

MANGIARE O NON MANGIARE…QUESTO E' IL DILEMMA!

Leggendo il titolo sicuramente vi sarete già fatti un’idea dell’argomento che inizieremo ad approfondire in questa sezione del sito.

Attenzione però, non aspettatevi di trovare su queste pagine consigli su alimenti e farmaci miracolosi che vi faranno dimagrire senza il minimo sforzo o peggio, le famose diete monotematiche, come ad esempio la dieta del minestrone, dell’anguria, del ravanello e così via.

Il nostro scopo è quello di darvi dei consigli mirati, dei suggerimenti alimentari specifici per un certo tipo di attività o riguardanti un determinato alimento di particolare interesse.

Il nostro primo argomento sarà molto generale ma risponderà ad una delle più ricorrenti domande in campo alimentare: Mangiare o non mangiare per dimagrire?

Sottolineo il termine “dimagrire”, che è diverso dal “perdere peso”.

Non mangiare è sicuramente il modo migliore di perdere peso, perderete infatti una grande percentuale di muscolo, molto più pesante del grasso, acqua e una piccolissima percentuale di grassi. Forse non era questo che volevate!

Mangiare in modo equilibrato, senza saltare i pasti e magari facendone 5 leggeri, anziché 3 abbondanti, sarebbe un buon inizio. Per sapere con precisione qual è il vostro equilibrio, vi consiglio, di andare da un nutrizionista ma nel frattempo vi suggerisco di ridurre alcuni alimenti. Alcolici, dolci, fritti e cibi troppo ricchi di grassi saturi sarebbero da eliminare, certamente lo sapevate. Forse però non sapete che qualche tipo di verdura, come ad esempio le carote, non è proprio l’ideale. Queste infatti hanno un elevato indice glicemico (circa 92/100) e, tranne in pochi casi, sarebbe meglio assumere alimenti con indice glicemico basso. Questo sarà l’argomento che tratteremo sul prossimo numero.

Ma torniamo alla domanda iniziale. Quando il nostro organismo non riceve nutrimento da alcune ore, comincia a procurarsi l’energia di cui abbisogna da ciò che gli garantisce un rapido sostentamento, carboidrati e proteine (quelle che con tanta fatica avete accumulato per costruire la vostra muscolatura!). I grassi sono gli ultimi ad essere utilizzati e solo in particolari condizioni di attività (prolungata attività aerobica) ed ormonali (bassa presenza di insulina e alta presenza di glucagone). Ecco perché i nutrizionisti consigliano sempre di non trascorrere più di 4-5 ore senza mangiare nulla, a volte può bastare uno spuntino a base di yogurt o latte, non è così difficile.

Spero, nonostante le poche righe a mia disposizione, di aver chiarito un punto essenziale. Fare diete troppo rigide non serve a nulla, serve solo a deprimervi e stressarvi. Mangiare un po’ di tutto, anche qualche “cibo proibito” ogni tanto, e praticare quotidianamente uno sport, è sicuramente il modo più intelligente per mantenervi in forma.